Rasatura attraverso i secoli

1

Se pensi che la lotta degli uomini per rimuovere i peli sul viso sia moderna, abbiamo una notizia per te. Ci sono prove archeologiche che, nella tarda età della pietra, gli uomini si rasavano con frammenti di selce, ossidiana o conchiglia, o addirittura usavano conchiglie come pinzette. (Ahia.)
Più tardi, gli uomini hanno sperimentato con i rasoi di bronzo, rame e ferro. I ricchi avrebbero potuto avere un barbiere personale nel personale, mentre il resto di noi avrebbe visitato la bottega del barbiere. E, a partire dal Medioevo, potresti anche aver visitato il barbiere se avevi bisogno di un intervento chirurgico, di un salasso o di eventuali denti estratti. (Due piccioni, una fava.)

In tempi più recenti, gli uomini usavano il rasoio a mano libera in acciaio, chiamato anche “tagliagole” perché… beh, l'ovvio. Il suo design simile a un coltello significava che doveva essere affilato con una pietra per affilare o una coramella di cuoio e richiedeva una notevole abilità (per non parlare della messa a fuoco simile a un laser) per l'uso.

PERCHÉ ABBIAMO INIZIATO A RASARCI IN PRIMO POSTO?
Per molte ragioni, si scopre. Gli antichi egizi si rasavano la barba e la testa, forse a causa del caldo e probabilmente come un modo per tenere a bada i pidocchi. Sebbene fosse considerato rozzo far crescere i peli sul viso, i faraoni (anche alcuni femminili) indossavano barbe finte a imitazione del dio Osiride.

La rasatura fu successivamente adottata dai Greci durante il regno di Alessandro Magno. La pratica è stata ampiamente incoraggiata come misura difensiva per i soldati, impedendo al nemico di afferrarsi la barba nel combattimento corpo a corpo.

DICHIARAZIONE DI MODA O FAUX PAS?
Gli uomini hanno avuto una relazione di amore-odio con i peli del viso dall'inizio dei tempi. Nel corso degli anni, le barbe sono state viste come spettinate, belle, una necessità religiosa, un segno di forza e virilità, decisamente sporche o una dichiarazione politica.

Fino ad Alessandro Magno, gli antichi greci si tagliavano la barba solo nei momenti di lutto. D'altra parte, i giovani romani intorno al 300 aC organizzarono una festa di "prima rasatura" per celebrare la loro imminente età adulta, e si fecero crescere la barba solo durante il lutto.

Intorno al tempo di Giulio Cesare, gli uomini romani lo imitarono strappandosi la barba, e poi Adriano, imperatore romano dal 117 al 138, riportò la barba in stile.

I primi 15 presidenti degli Stati Uniti erano senza barba (sebbene John Quincy Adams e Martin Van Buren sfoggiassero degli imponenti costolette di montone). Poi fu eletto Abraham Lincoln, proprietario della barba più famosa di tutti i tempi. Iniziò una nuova tendenza: la maggior parte dei presidenti che lo seguirono avevano la barba, fino a Woodrow Wilson nel 1913. E da allora, tutti i nostri presidenti sono stati rasati. E perchè no? La rasatura ha fatto molta strada.


Tempo post: Nov-13-2020